Verso Sigiriya
Oriente Sri Lanka Trips

Verso Sigiriya

Restiamo nella provincia centrale e iniziamo di buona mattina il viaggio di due ore e mezza che ci porterà alla città fortezza di Sigiriya. Sulla strada ci fermiamo a visitare un tempio indù che è costruito e decorato secondo lo stile dell’India del Sud. Il tempio è coloratissimo, sia dentro sia fuori, al limite del kitsch, ma io lo trovo bellissimo. Ovunque ci sono statue delle innumerevoli divinità della religione indù, riprodotte con colori accesi e in varie posizioni. Ci togliamo le scarpe, copriamo le gambe ed entriamo nel tempio dove ci sono molte persone che pregano e lasciano fiori di loto sugli altari delle offerte. È bellissimo, si respira spiritualità e devozione, si sentono le cantilene delle preghiere alle divinità e le formule religiose recitate dagli officianti. Ci sono scene che riproducono le azioni delle divinità e la lotta fra il bene e il male e le persone pregano un po’ ovunque, alcuni sono quasi commossi.
Lasciamo il tempio, percorriamo ancora un po’ di strada e ci fermiamo a visitare una fabbrica di batik, i tradizionali quadri colorati fatti su tessuto che vengono utilizzati per decorare le case e i templi. Un gruppetto di sorridenti signore ci mostrano la tecnica del batik: si prende un telo di cotone bianco e si inizia a disegnare la sagoma del disegno da realizzare, ad esempio un elefante. Con un pennino in metallo o in legno alcune parti del disegno vengono coperte con della cera fusa. Una volta che la cera si è solidificata il telo viene immerso in una vasca piena del primo pigmento scelto, ad esempio il giallo. Nuovamente il telo viene lavorato con la cera, andando a coprire altre parti del disegno per poi immergerlo nel secondo pigmento, ad esempio il blu. E così via fino a colorare tutto il disegno, che in pratica prende forma dalla sovrapposizione dei diversi colori che attaccano solo dove la stoffa non è coperta di cera. Quella del batik è quindi una tecnica che richiede molto tempo, molta pazienza e molta cura del dettaglio, infatti questi oggetti – se originali – sono anche molto costosi.
Lasciamo la fabbrica di batik e finalmente raggiungiamo Sigiriya.

 

Foto

    Gli ultimi articoli visualizzati...

    Le Farfalle di Siem Riep

    Elephant Farm in Chiang Mai

    To do e Not to do

    Un weekend a Bangkok

    Quel treno per Ayutthaya

    Disqus shortname is required. Please click on me and enter it

    01 Comment

    LEAVE A COMMENT

    Febbre d'Oriente

    Come trovarci

    Indirizzo
    Via Piobesi 24
    10135 Torino (TO)