Prelibatezze e stranezze
Food Food

Prelibatezze e stranezze

L’Asia è un Paese magnifico.

Lo è per tanti aspetti: per i luoghi, per la natura, per le persone, per i sorrisi e per la cultura. Ma lo è anche per la sua deliziosa e variegata cucina. Abbandonando per un attimo l’affezione di noi italiani per la pasta e per la pizza, è possibile ritrovare nella cucina asiatica sapori e profumi davvero sorprendenti.

L’alimento che non manca mai su una tavola asiatica è – manco a dirlo – il riso, che è la base dell’alimentazione di questi Paesi. Il riso viene utilizzato sia come accompagnamento nella sua versione semplice a vapore, sia come piatto principale, saltato in padella con verdure e carne o pesce. C’è da dire che le qualità di riso utilizzate nella cucina asitica sono caratterizzate da profumi e aromi diversi da quelli a cui siamo abituati nel Bel Paese, e questo rende unica anche la semplice ciotola di riso in bianco. Nel suo ruolo di accompagnamento il riso – cotto al vapore – viene affiancato a piatti di carne marinata, per lo più di pollo o di manzo, oppure a deliziosi pietanze a base di pesce. In alcune parti dell’Asia, come in India o in Thailandia, il riso in bianco può essere consumato insieme al curry di carne o di pesce, per terminare la parte cremosa del piatto. Nella versione di piatto unico il riso viene prima cotto al vapore e poi saltato nel wok insieme a uova strapazzate, verdure, come carote e cavolo verza, carne o pesce e spettacolari salse a base di soia, miele e spezie varie.

Altro piatto che ricorre nella cucina asiatica sono i noodles: tagliatelle più o meno sottili fatte di farina di riso, condite in modo simile al riso, con uova, verdure, carne o pesce e le immancabili salse speziate. I noodles, a differenza della nostra pasta, non necessitano di una vera e propria cottura. Vengono infatti lasciati in acqua calda per qualche minuto per farli ammorbidire e poi saltati in padella direttamente coi condimenti. Il risultato è un piatto completo, delizioso e succulento e con poche calorie.

La costante che accomuna tutti i piatti della cucina asiatica, dai noodles alla carne, è una massiccia dose di peperoncino che per i più renderà il pasto una vera sfida. La percezione dei locali del concetto di hot&spicy è molto diversa da quella di un occidentale mediamente abituato a mangiare piccante. Se malauguratamente dimenticate di specificare “no hot, no spicy please” al momento dell’ordinazione e non siete dell’idea di conoscere l’inferno direttamente col vostro palato, rischiate davvero di restare a digiuno perchè il piatto che vi arriverà nel 99% dei casi sarà la cosa più piccante che vi sia mai capitato di mangiare. In realtà, anche nel caso in cui chiederete una pietanza “no hot, no spicy” vi verrà servito un piatto comunque piccante, anche se molto meno del piatto standard.

Nonostante questo dettaglio, che per qualcuno potrà rappresentare un limite, ma che per chi gradisce i sapori forti sarà invece una vera goduria, la cucina asiatica è davvero deliziosa, nutriente e varia. Oltre a quanto già citato è possibile trovare vari tipi di fritture con panature leggere e croccanti, verdure più o meno strane cucinate in tantissimi modi diversi e sempre molto speziate, spuntini particolari come il riso glutinoso con fagioli neri e la miglior frutta tropicale del mondo. Salvo che non abbiate gusti davvero molto particolari e limitati, di una cosa potete stare certi: non resterete mai a digiuno nel Sud Est Asiatico, anche perchè si mangia di tutto a qualsiasi ora del giorno e della notte. I ristoranti sono aperti fin dalle prime luci dell’alba per servire la colazione – dimenticate ovviamente cappuccino i brioches: qui si mangiano nooodles e curry anche a colazione. I medesimi ristoranti servono anche i pasti principali con orari molto ampi: è considerato pranzo anche un pasto consumato nel primo pomeriggio e la cena può essere anche molto tardiva. Nel caso in cui vi venisse un languorino nel breve orario di chiusura dei ristornati potrete fare affidamento su un’ampissima scelta di baracchini per ottimo street food di tutti i tipi, dolce o salato. E se questo ancora non bastasse sono presenti praticamente ovunque i mercati notturni, che oltre ad avere bancarelle con ogni tipo di ciarpame, offrono anche interessanti soluzioni culinarie in stile stret food.

Per i più coraggiosi, con gli stomaci più forti, in Asia sono disponibili fra le pietanze dei menù anche interessanti sorprese: insieme al pollo al curry e ai noodles coi gamberi, noterete proposte ben pù strane a base di insetti, serpenti, rane e topi. Ebbene sì: scarafaggi, cavallette, tarantole e larve fritte non mancano quasi mai nelle proposte dei menù dei ristornati più tradizionali. In alcuni Paesi come la Cambogia nei baracchini per strada noterete interessanti barbecue con rane ripiene di arachidi e grossi topi arrostiti. Per un occidentale si tratta senz’altro di una stranezza, visto che non siamo abituati a questo genere di “novel food”, ma per i locali gli insetti, facilmente reperibili sul loro territorio, sono una fonte importantissima di proteine. Come per molte altre cose si tratta di un fattore culturale che può piacere o meno, ma che fa parte di quelle cose intressanti e uniche che si possono vedere e, chissà, magari assaporare in Asia.

In questa rubrica andrò alla ricerca delle ricette più strane e tradizionali per raccontarle e magari provarle anche nelle nostre case.

Foto

    Gli ultimi articoli visualizzati...

    Kôw Soy

    Let’s cook!

    Disqus shortname is required. Please click on me and enter it

    LEAVE A COMMENT

    Febbre d'Oriente

    Come trovarci

    Indirizzo
    Via Piobesi 24
    10135 Torino (TO)